DOSSIER

LISTINO PREZZI

PREVENTIVI &
PRENOTAZIONI


Abbigliamento Terramia
Abbinamento
Allenamenti
Assicurazione
Assistenza
Agenda
Condizioni generali
Documenti e scadenze
Gara
Hotel
10 Cose da vedere
Linea Diretta
Mappa Terramia
Prenotazioni telef
Prenotazioni online
Prezzi comprendono
Programmi di viaggio
Spagna


Prenotare è facile!
Prenota online oppure chiama la nostra
Linea Diretta
0532 909010
Clicca e scegli tra formato pdf oppure interattivo
 


Domenica 10 Dicembre 2017

Maratona di Malaga
8a edizione


10 COSE DA VEDERE
A Malaga

1 - La Alcazaba. Se volete visitare la città di Màlaga vi consigliamo di immergervi nelle sue origini partendo dal luogo simbolo in cui si fondono le tre culture, romana, araba e rinascimentale, che caratterizzano l’intera città.

2 - Il Castello di Gibralfaro. Se volete ammirare la migliore vista panoramica di Màlaga dal suo punto più alto, dovete percorrere la collina su cui sorge l’Alcazaba, e salire le scale lungo le mura fino ad un’altezza di 130 metri, dove sorge il Castello di Gibralfaro.

3 - Il Museo Picasso. La città di Màlaga è famosa in tutto il mondo per aver dato i natali al pittore più celebre ed influente della storia dell’arte del XX secolo. Pablo Picasso nacque, infatti, in un edificio della centralissima Plaza de la Merced, dove oggi sorge la Fundaciòn Picasso.

4 - La Cattedrale dell'Incarnazione. La Cattedrale di Màlaga è considerata una delle opere architettoniche più belle del rinascimento andaluso. La costruzione della chiesa di Nuestra Señora de la Encarnación, che sorge nel centro storico sui resti di un’antica moschea, fu voluta dai Re Cattolici, ed i lavori per la sua realizzazione avvennero tra il 1528 ed il 1783, interrotti nel 1680 a causa di un terremoto, e fu lasciata incompiuta. Mancano, infatti, le rifiniture della facciata principale e la torre sud.

5 - Teatro Romano. Una della attrazioni più sorprendenti di Màlaga è il suggestivo Teatro Romano, situato ai piedi dell’Alcazaba. I resti di questo teatro sono stati rinvenuti soltanto di recente.

6 - Plaza de Toros. Se siete amanti del folklore spagnolo e le celebri corride non vi impressionano, potete assistere, durante la vostra visita della città di Màlaga, ad una delle incredibili gare tra tori e toreri all’interno della famosa Plaza de Toros

7 -Giardino Botanico e Paseo del Parque. Il Jardin Botanico La Concepciòn è un lussureggiante giardino botanico realizzato nel 1856 dai Marchesi di Loring, appassionati di botanica, e poi arricchito dalla famiglia Echevarría-Echevarrieta. Nel 1943 il Giardino fu dichiarato patrimonio storico artistico della città.

8 - Il Porto. Come la gran parte delle città spagnole, anche Màlaga è conosciuta soprattutto per la sua animatissima vita notturna. Localini alla moda, bar con tavolini all’aperto, chioschetti dove si può mangiare e bere, si susseguono in tante strade e viuzze del centro storico cittadino, soprattutto nei dintorni della Cattedrale.

9 - Calle Larios. Si tratta del centro, uno dei posti più importanti perché fulcro nevralgico della città. Un giro tra i bar, i negozi e Plaza de la Costitucion.

10 - Le Spiagge. Malaga offre delle spiagge incredibili dove è obbligatorio fare una visita. Tra i posti più famosi per fare il bagno troviamo La Malagueta, poi c’è El Palo, La Caleta e El Candado.
A Granada

1 - L'Alhambra. Uno dei simboli più importanti del dominio musulmano sulla città di Granada, è senz’ombra di dubbio l’Alhambra, monumento dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco.

2 - Il Generalife. A Granada la bellezza non ha fine: proprio di fronte all’Alhambra c’è un altro palazzo indipendente, il Generalife, avvolto da meravigliose colline e splendidi giardini, una sorta di oasi di pace e relax del re.

3 - Palazzo Dar-al-Horra o Monastero di Santa Isabella. Questa splendida struttura fu costruita nel XV secolo sui resti di un palazzo distrutto del re Ziri.

4 - l quartiere Albayzin. Il quartiere dell’Albayzin è Patrimonio Mondiale dell’Unesco per la sua straordinaria unicità architettonica. Fondato dai mori prende il nome dai bayyasīn, cioè provenienti dalla città di Baeza.

5 - La Cattedrale. La Cattedrale di Granada è considerata la più grande espressione di chiesa rinascimentale della Spagna.

6 - La Cappella Reale. In un edificio accanto alla Cattedrale c’è la Cappella Reale, voluta da Isabella e Ferdinando. I due sovrani decisero, di comune accordo, che dopo la morte i loro resti dovessero essere conservati a Granada.

7 - Il Bagno Arabo. I cattolici consideravano i bagni arabi l’equivalente di bordelli e luoghi di prostituzione, anche se non era affatto così. Qui i mori di Granada si riunivano per parlare di religione, curarsi con le acque, parlare, rilassarsi, farsi fare un massaggio e tagliarsi i capelli, con una rigida separazione tra uomo e donna.

8 - Parco delle Scienze. Anche se è meno famoso degli altri parchi scientifici europei, quello di Granada è certamente uno dei meglio riusciti. Un mix di apprendimento e divertimento pensato per i bambini ma che affascina e insegna anche agli adulti.

9 - Palazzo della Madraza. Il palazzo della Madraza è la prima università dell’Andalusia (fondata nel 1349) e fra le più antiche di tutta Europa.

10- Spettacolo di Flamenco. Nel Barrio de Sacromonte ai piedi dell'Albaycin si può partecipare a spettacoli di Flamenco che durano tutta la notte e visitare il Museo delle grotte del Sacromonte.
A Cordoba

1 - La Mezquita. La Mezquita di Cordoba è una delle moschee più stupefacenti d’Europa, eretta sulla Chiesa di San Vincenzo.

2 - L'Alcazar. L’Alcazar dei Re Cristiani è la struttura in cui venivano ricevuti i sovrani fedeli alla Chiesa.

3 - La Medina Azahara. Medina Azahara è la cittadina che Abderraman III fece costruire a otto chilometri da Cordoba.

4 - l Ponte Romano sul Guadalquivir. Il Guadalquivir è l’unico fiume navigabile di tutta la Spagna e il suo nome, in lingua araba, significa “Fiume Grande“. Al tempo dei romani, il Guadalquivir si poteva percorrere fino a Cordoba, dove fu eretto il ponte lungo 240 metri.

5 - La Sinagoga. La Sinagoga di Cordoba fu costruita all’ingresso del quartiere ebraico intorno al XIV secolo, ed è l’unica struttura religiosa ebraica presente in tutta l’Andalusia.

6 - La Juderia. L’Andalusia ha molti quartieri ebraici nelle proprie città, ma quello di Cordoba è uno dei più importanti di tutto il vecchio continente. La caratteristica conformazione del quartiere richiama quelli presenti in tutta la regione, ma a Cordoba la Juderìa ha un fascino molto particolare.

7 - Palazzo de Viana. Famoso per i suoi 12 patii, il Palazzo de Viana nasce come piccola casa che si allarga piano piano fino a inglobare le abitazioni circostanti, diventando un elemento architettonico spettacolare e unico.

8 - La Torre di Calahorra. Si trova a lato del Ponte Romano. Ospita un museo dedicato alle tre religioni Mussulmana, Ebraica e Cristiana, facendo scoprire quanto queste siano simili. Ascolterete con delle cuffie (anche in italiano) la visione del mondo di tre rappresentanti delle tre religioni. E’ sorprendente. Non perdetevi il panorama dalla torre!

9 - I Patii. Sono una delle affascinanti caratteristiche di Cordoba.
Vagate nelle vie della città e sbirciate all’interno dei suoi cortili!

10 - Cristo de los Faroles. In una bianchissima e spoglia piazza, Plaza de los Capuchinos, vedrete un bel crocifisso del 1794, il Cristo de los Faroles, circondato da 8 lanterne e molto venerato dai cordovani. Se possibile, raggiungete la piazzetta di notte: questo luogo presenta un’atmosfera surreale e profondamente religiosa, nella sua accezione più popolare.
A Siviglia

1- Reales Alcazares. I Reales Alcazares (Palazzi Reali) sono i monumenti più imponenti di Siviglia. Caratteristica di questi edifici è la mescolanza di stili e delle decorazioni, che vanno dall’islamico al neoclassico.

2 - La Cattedrale. Lo stile gotico e quello rinascimentale si uniscono nel più imponente monumento del mondo cristiano, dopo la Basilica di San Pietro: la Cattedrale de Santa Maria di Siviglia.

3 - La Giralda. La Giralda, emblema della capitale andalusa, è la torre campanaria della Cattedrale: un monumento alto ben 96 metri che rispecchia in pieno lo stile degli Almohadi, rigidi in materia religiosa e nemici del lusso, nell’unire all’imponenza monumentale una raffinata semplicità.

4 - Il Quartiere di Triana. La riva occidentale del fiume Guadalquivir accoglie il caratteristico quartiere di Triana, in cui convivono la città antica e la città moderna.

5 - Il Barrio de San Bartolomè. Stile barocco, gotico e rinascimentale si compenetrano negli elementi che compongono il Barrio de San Bartolomé.

6 - Plaza de España. Plaza de España, all’interno del Parque de Maria Luisa, venne costruita nel 1929 in occasione dell’Esposizione Iberoamericana, su progetto dell’artista sivigliano Gonzalez.

7 - La Casa di Pilato. La Casa di Pilato è un capolavoro dell’arte rinascimentale del XV secolo, voluto da Don Fadrique e forse ispirato alla casa di Ponzio Pilato a Gerusalemme.

8 - Metropol Parasol. Girate l'angolo su piazza Encarnación e vi troverete di fronte a questa mole di travi di legno a forma di nido d'ape, proprio al centro della città vecchia di Siviglia.

9 - Museo del Flamenco. Questo museo è un must-see per chiunque voglia capire la storia e l'arte del flamenco andaluso.

10 - Barrio Santa Cruz (Juderìa). Il quartiere di Santa Cruz è il quartiere antico della città di Siviglia. Viene anche chiamato dai locali Juderìa, essendo anche l’antico quartiere ebraico, un bel quartiere di case bianche andaluse, con cortili dietro ogni angolo e fiori dai colori vivaci ovunque.